Home Notizie Articoli di Cultura e Spettacolo CineWeekend: è arrivata l’ora di “Blade Runner 2049”

CineWeekend: è arrivata l’ora di “Blade Runner 2049”

185

Grande attesa per “Blade Runner 2049”, da oggi nelle sale, insieme a “Come ti ammazzo il bodyguard”, “Ammore e malavita” e “120 battiti al minuto”.

Il film più atteso, fra quelli da oggi nei cinema, è “Blade Runner 2049“, di Denis Villeneuve, con Ryan Gosling, Harrison Ford, Jared Leto e Robin Wright. La vicenda si svolge 30 anni dopo i fatti del mitico “Blade Runner” (diretto da Ridley Scott), quando il blade runner (Ryan Gosling) viene a conoscenza di un segreto, sepolto da tempo, che ha il potenziale di far precipitare nel caos quanto è rimasto della società. La scoperta lo spinge a cercare Rick Deckard (il collega Harrison Ford, protagonista del primo episodio), sparito nel nulla da 30 anni.

Divertente si annuncia “Come ti ammazzo il bodyguard“, con Ryan Reynolds che, nei panni della guardia del corpo più ambita al mondo, viene assunto per proteggere il killer più ricercato del pianeta, Samuel L. Jackson. La strana coppia, tra un litigio e l’altro, dovrà difendersi dagli attacchi del cattivo di turno, Gary Oldman, dispotico dittatore di un piccolo stato dell’Europa dell’Est.

Sullo stesso tono “Ammore e malavita” dei fratelli Manetti che, dopo il successo a Venezia 74, propone il suo scoppiettante mix tra malavita, action-movie, amore e musical in cui Napoli è la vera protagonista. Insieme al temuto killer Giampaolo Morelli (volto e corpo dell’ispettore Coliandro, diretto dagli stessi Manetti, in arrivo su Rai 2 con la sesta stagione) che deve uccidere la giovane infermiera Serena Rossi, scomoda testimone per i clan. Ma quando si trovano faccia a faccia, i due si riconoscono e riscoprono l’amore mai dimenticato della loro adolescenza.

Dall’ultimo Festival di Cannes, dove ha vinto il Grand Prix, arriva invece  “120 battiti al minuto“, ambientato nella Parigi dei primi anni ’90, dove un giovane si unisce agli attivisti di Act Up, associazione pronta tutto pur di rompere il silenzio generale sull’epidemia di AIDS che sta mietendo innumerevoli vittime. 

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here