Home Notizie Articoli di Cultura e Spettacolo Aquagranda, la prima del Teatro La Fenice

Aquagranda, la prima del Teatro La Fenice

622
Aquagranda

Aquagranda, nuova commissione Fondazione Teatro La Fenice
in occasione del cinquantesimo anniversario dell’alluvione del 4 novembre 1966

Con la messa solenne celebrata nella Basilica di San Marco dal patriarca di Venezia, Francesco Moraglia, e la prima della rappresentazione di Aquagranda al Teatro la Fenice hanno raggiunto il momento più alto e solenne, questa sera, a Venezia, le commemorazioni per ricordare il 50. anniversario dell’alluvione che il 4 novembre del 1966, insieme a Firenze, devastò la città lagunare, le sue isole, la terraferma e i territori circostanti.

Quel giorno si verificò la più elevata acqua alta mai registrata da quando iniziarono le rilevazioni sistematiche del fenomeno: alle ore 18 il mareografo di Punta della Salute segnò quota 194 cm. L’alluvione provocò disastrose conseguenze. Soprattutto fu colpita Pellestrina, l’isola nella quale è ambientata la nuova opera di Filippo Perocco che inaugura la Stagione. Ernesto Ballarin, il protagonista, all’epoca aveva venticinque anni e il mare che aveva travolto i Murazzi gli entrò dentro casa arrivando fino al tetto e costringendolo a evacuare la sua casa e la sua isola insieme ad altre tremila persone.

E’ un momento particolare questo – ha affermato il sindaco dal palco del teatro – noi stiamo ricordando quel giorno drammatico, che causò danni ingenti e molte vittime. Di fronte a quella tragedia la comunità veneziana si è rimboccata le maniche, trovando lo spirito di unità necessario a recuperare fiducia e speranza. Anche oggi viviamo un grande momento di crisi – ha continuato il primo cittadino – una crisi economica, di prospettiva per i giovani. Dobbiamo recuperare lo stesso spirito di unità. Non c’è più spazio per le polemiche inutili. Abbiamo bisogno di costruire insieme un futuro di lavoro, trasparenza e sicurezza per i nostri bambini. Dalla Venezia metropolitana può venire un grande messaggio di unità, per far ripartire Porto Marghera, Murano, Burano, il Lido, dando vero aiuto ai giovani”.

“Con questa rappresentazione – ha aggiunto il sindaco – ringraziando tutte le maestranze del teatro La Fenice – dimostreremo con quanto cuore alcuni hanno vissuto l’evento dell’Aquagranda, e capiremo cosa ognuno di noi può fare per questa città. Se tutti contribuiremo a questo progetto, saremo degni di essere ricordati dalle generazioni future”.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here