Home Notizie Articoli di Economia e società Aja: I motivi del “no” all’imposta di soggiorno

Aja: I motivi del “no” all’imposta di soggiorno

1072
Aja

Durante l’assemblea generale dei soci è stato ribadito il no dell’ Aja alla imposta di soggiorno

Ci sono molteplici motivazioni che portano l’Aja a dire “no” alla tassa di soggiorno.

Il possibile ritocco della tassa, paventata nei giorni scorsi, è stato affrontato nel corso dell’assemblea dei soci che l’Associazione Jesolana Albergatori ha indetto per ieri. “Dopo avere appreso dalla stampa del possibile aumento – ha premesso il presidente Alessandro Rizzante – abbiamo subito chiesto udienza all’assessore al turismo, Flavia Pastò.

Continua – A lei abbiamo, poi, ribadito la nostra posizione contraria attraverso una lettera che le abbiamo inviato il 5 settembre scorso e che in assemblea abbiamo letto ai soci. A lei abbiamo spiegato che, prima di parlare di aumento, vanno fatti alcuni interventi. Tra questi, un punto fondamentale è conoscere la destinazione dell’imposta di soggiorno.”

Una presa di posizione di inizio settembre, ribadita nell’assemblea dei soci, che conferma la ferma posizione di Aja, contraria al paventato aumento dell’imposta di soggiorno.

“Respingiamo al mittente qualsivoglia accusa all’associazione di non fare gli interessi della categoria ed in generale della località – ribadisce con fermezza il presidente Aja, rispondendo indirettamente ad alcune dichiarazioni politiche apparse oggi sulla stampa locale.

“L’associazione è per suo statuto apartitica, e nel corso degli anni, e così sarà sempre – conclude Rizzante – si è confrontata con amministrazioni comunali di ogni “colore” politico e sempre con la stessa determinazione e volontà di fare il bene comune”.

Aja ora attende di conoscere dall’Amministrazione comunale le sue intenzioni, ribadendo la necessità di condividere la destinazione degli introiti, a prescindere dall’aumento stesso.

Andamento stagione balneare

Nell’assemblea dei soci, Aja ha analizzato i primi dati complessivi dell’andamento della stagione balneare, o meglio del periodo centrale giungo-settembre.

I dati si basano delle rilevazioni H-Benchmark, sistema adottato dall’associazione e che riguarda la ricettività alberghiera.

Nel complesso, nei mesi centrali (giugno – 18 settembre, con giugno che ha segnato un aumento significativo e settembre che, causa condizioni meteo, ha registrato una moderata flessione), il sistema ha rilevato una occupazione media del 79,9%, paragonato al 60% della media nazionale è un buon segnale.

Il mercato è stato per il 60% straniero e per il 40% italiano. Per gli stranieri domina il turista di lingua tedesca con, al primo posto, l’Austria seguita dalla Germania; molto bene anche la Svizzera e, come quarto mercato straniero, la Russia.

Curiosità per gli italiani: al primo posto Bolzano, seguito da Altro dato significativo: diminuita del 5% la scelta dell’hotel a pensione completa, mentre in aumento la formula “Bed&Breakfast”; con conseguente ricaduta positiva verso la ristorazione.

La stagione estiva

Giugno. Partendo dall’ultimo fine settimana, tanto cara ai turisti di lingua tedesca, il picco toccato è stato del 93,6% di occupazione, con una media nei tre giorni comunque vicina al 90%.

Per quanto riguarda il week-end del 2 giugno, coinciso con la Festa di Pentecoste, l’occupazione negli alberghi è stata pari al 94,5%.

Dato che aveva superato di un punto e mezzo la previsione fatta a ridosso della stessa festività. Infine, nel week-end dell’Ascensione la percentuale di occupazione alberghiera è stata pari all’81,6%.

Per quanto riguarda il mese di luglio, l’occupazione media è stata dell’86%, in pratica in linea con il 2016 quando si registrò un mese straordinario di presenze turistiche in città. In agosto l’occupazione media è stata pari al 94%, anche in questo caso in linea con l’anno precedente (che fu ottimo).

Presente anche l’assessore al turismo, Flavia Pastò. “E’ stata una buonissima stagione – ha sottolineato – però non dobbiamo sederci sugli allori, anche perché ci sono stati una serie di fattori esterni che hanno favorito l’arrivo degli stranieri e Jesolo deve lavorare fin da subito per la prossima stagione.

Da parte mia confermo la volontà di lavorare assieme, creando una proficua collaborazione con le associazioni di categoria”.

Flavia Pastò ha già annunciato che entro ottobre sarà pronto il programma dei principali eventi del 2018, così da poterli promuovere.

Importante convegno su alternanza Scuola-Lavoro

Si terrà domani, 22 settembre, alle 9.30, nella sala convegni dell’istituto Cornaro, il convegno sul tema “Alternanza scuola-lavoro: le opportunità nel turismo del futuro”. 

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here