Home Notizie Articoli di Cronaca 72° anniversario della Liberazione: le celebrazioni a Venezia

72° anniversario della Liberazione: le celebrazioni a Venezia

488
72° anniversario

72° anniversario della Liberazione: Il sindaco Brugnaro, “Il 25 aprile festa di valori, libertà e democrazia”

“Resistere e impegnarsi, esprimere le proprie idee nel rispetto delle regole è la base della nostra democrazia, che dobbiamo continuare a difendere, guardando avanti e pensando al futuro dei nostri ragazzi”. Con queste parole il sindaco di Venezia, Luigi Brugnaro, ha ricordato il significato del 25 aprile in occasione del 72° anniversario della Liberazione, che questa mattina è stato celebrato a Venezia con un ricco calendario di appuntamenti alla presenza delle massime autorità civili e militari.

Le iniziative, promosse dal Comune di Venezia in collaborazione con l’Anpi, l’Anppia, la Fiapp (G.L.), Assoarma, la Comunità ebraica di Venezia e l’Iveser, sono iniziate in Piazza San Marco, con l’alzabandiera e gli onori resi dal Picchetto Militare Interforze, alla presenza del sindaco, della presidente del Consiglio comunale, Ermelinda Damiano, del prefetto, Carlo Boffi, e delle alte cariche militari.

E’ seguito il Percorso della Memoria nel Sestiere di Cannaregio a cui ha partecipato in rappresentanza dell’Amministrazione comunale la presidente del Consiglio Damiano: sette tappe, accompagnate dal Coro 25 Aprile, per rendere omaggio ai caduti nella lotta contro il nazifascismo (Bruno Crovato in Campo San Canciano, Luigi Borgato al Ponte dei Sartori, Giuseppe Tramontin in Calle Priuli, Ubaldo Belli in Fondamenta San Felice, Piero Favretti in Calle Colombina, Augusto Picutti in Campiello del Magazen e Manfredi Azzarita in Corte Correra), e terminate in campo del Ghetto Novo dove si è svolta la commemorazione ufficiale.

Ad accogliere le autorità, le note della banda musicale di Pellestrina e le voci bianche del coro, vestito a tricolore, degli alunni dell’Istituto Cavanis. Dopo i discorsi del presidente della Comunità ebraica, Paolo Gnignati, e della vicepresidente dell’Istituto veneziano per la storia della Resistenza e della società contemporanea (Iveser), Giulia Albanese, è intervenuto il sindaco di Venezia, Luigi Brugnaro.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here